di Stefania Ricceri

Nel flusso conclusivo che accompagna alla revisione ultima.
Quello che se ne va fa luce su ciò che resta nel flusso conclusivo che accompagna alla revisione ultima che ci porterà poi il mese di Gennaio e che permetterà di volgere a nuovi inizi con l’avvio, nei primi giorni del mese di Marzo, del Vibrato 2024.

La natura fa il suo corso, aldilà dell’essere umano che ne ha dimenticato i principi e i movimenti.

Nell’onda oscura che ha travolto tanti, i superstiti faticosamente procedono lungo questa landa desolata rivelatoria e toccante.

Nel constatare che il concetto di Fede è ancora superficiale e opportunistico, l’umano in cammino osserva impassibile i suoi simili mollare con coscienza che ognuno fa le scelte che sente essere meglio per sé.

La Vita è una prova continua di Fede e fino a che questo non si comprenderà pienamente le perdite saranno continue e numerose.

EmojiEmojiEmojiSe puoi aiutami a tenere in vita il mio blog con una piccola donazione .Troverai il pulsante donazione alla fine dell’articolo. Grazie . Cammina nel Sole EmojiEmojiEmoji

Nella resa dei conti che porterà quei pochi ad essere ancora meno, il viaggio prosegue…

A seguire l’immagine dell’apertura Tarologica dedicata alla settimana che va dal 18 al 24 Dicembre.

Quello che se ne va fa luce su ciò che resta

Quello che se ne va fa luce su ciò che resta nel flusso conclusivo che accompagna alla revisione ultima.
Rilasci importanti si sono manifestati in questi ultimi giorni, ma tutto ciò che è andato, non tornerà più.

Nel procedere impegnato che si è fatto pregno di movimenti scomodi, ulteriori zavorre si sono distaccate.

Lo abbiamo potuto constatare nelle emozioni, nei pensieri e nel corpo.

Per molti la stanchezza fisica si è fatta sentire e in tal senso il corpo, per tanti, ha scelto un fermo forzato attraverso gli acciacchi influenzali.

Forzato perché ancora troppo poco assecondiamo il richiamo al rendere sostenibile il nostro quotidiano presi da una corsa frenetica continua e smodata.

Comunque il concetto si sostenibilità lo affronteremo in maniera importante con il Vibrato 2024; approfondirò in merito nelle prossime settimane.

Ora quello che accade è un deciso cambio della prospettiva, non più forzato o scomodo, bensì ponderato ed evolutivo.

Da qui ne consegue un “andare verso” in maniera differente e con il radicamento necessario che consente di vedere alle cose alla luce di quello che sono.

Le elaborazioni interiori vanno a subire un rallentamento e questo permetterà di mantenere un sano senso di osservazione, distacco e conseguente armonizzazione cosciente e consapevole.

Sarà un po’ come trovarsi sul fondo del mare, limpido e calmo, vedendo nitidamente resti antichi colmi di significanza mai osservata prima.

Quello che se ne va fa luce su ciò che resta.
Le energie sono movimentate e cariche di elettricità, i flussi entranti affilano e delineano la nostra struttura cellulare, il corpo risponde con scosse di assestamento.

Vanno introducendosi nuove modalità, di pensiero, di azione, di percezione, sensazione e movimento.

Nell’osservare pondero i passi da compiere manifestando la mia intenzione a rispondere attivamente alla Vita.

Uno sguardo lungimirante lascia intravvedere sprazzi di orizzonte.

Nell’andare avanti, sopraggiunge una musica di sottofondo formata dal canto della Terra che si fa sempre più importante e dalla melodia cosmica per cui, nell’unione delle due, si crea un’armonia.

Nel seguire la vibrazione e la frequenza che questo canto produce, si può scorgere il principio di quanto porterà il Vibrato 2024.

La settimana nel complesso risulterà movimentata, dentro e fuori, notizie nel sopraggiungere fungeranno da trailer per il nuovo anno.


La nostra risposta interiore fungerà da bussola a come, attraverso di essa, compiremo i nostri passi.

Non siamo ancora ai titoli di coda di questo 2023, quelli li vedremo srotolarsi negli ultimi giorni di Gennaio in preparazione al mese di passaggio vibratorio con Febbraio.

Comprendere che ancora non è la fine di questo ciclo chiamato anno rende il procedere più semplice e armonioso.


Indirizzarsi in crescendo verso un nuovo approccio potrebbe risultare una scelta azzeccata.

Permettiamo alle emozioni di esprimersi e al corpo di comunicare con noi in maniera diretta ponendoci in ascolto.

Attiviamo il processo creativo attraverso l’intelligenza connessa alla Fonte lasciandoci ispirare, potrebbero sopraggiungere spunti rivoluzionari…

Ogni cosa riporta alla natura e alla naturalità delle cose.

Siamo verso l’ingresso del Nuovo Rinascimento.

L’era della Interezza è alle porte, la Stirpe dei Puri si va formando…

FIDEM

Umani Divini.

Divini Umani.

Torneremo a guardare le stelle.

E fu sera e fu mattina…

Stefania Ricceri
Stefania Ricceri
Tarologa • Autrice

Fonte : https://www.fiammadivina.com/spiritualita/quello-che-se-ne-va-fa-luce-su-cio-che-resta/

Se il mio sito per te è fonte di crescita ed evoluzione

sostienilo con una donazione


Grazie

Lascia un commento