di Vital Frosi
Amati!
Considerando che siamo un’anima incarnata in un corpo fisico, diventa più facile capire la vita. Molti credono che siamo solo questo corpo materiale, e che quando muoiono, tutto finisce. Molti però comprendono anche che siamo un’anima immortale, che si reincarna successivamente, fino a completare un ciclo di apprendimento in questa scuola terrestre.
Riflettiamo su questa seconda ipotesi. Cos’è un’anima? Abbiamo già portato qui questioni riguardanti la Monade a cui appartiene ciascuno. Una Monade può essere paragonata a un albero, con radici, tronco, rami, foglie, fiori, frutti e semi. Tutto fa parte di una stessa essenza. Ma diciamo che in realtà è una coscienza unica, divisa in parti.
L’anima incarnata in un corpo fisico sulla Terra, è la più piccola particella di questa coscienza, quindi la sensazione che prova è di non appartenere alla Monade.
Quindi il Piano Divino che tutto crea e conduce, provvede affinché quest’anima possa liberarsi dalla materia di tanto in tanto, al fine di espandere la sua coscienza, abbastanza da ricordare chi è. Ricorderete anche tutte le vostre vite passate, e allo stesso tempo, conoscerete un certo tempo futuro per elaborare un altro Piano di incarnazione.
Nulla Succede per Caso
Le coincidenze che cambiano la nostra vita

Voto medio su 16 recensioni: Buono

€ 16

Questa Ruota di Samsara delle successive incarnazioni esiste qui sulla Terra da quando l’umanità è apparsa qui. Sono i Piani all’interno del Progetto del Creatore. Tutto segue secondo questo Piano. Questo dipende dalla Terra e da tutti gli altri pianeti, stelle, galassie e universi infiniti.
Tutte le scuole hanno un curriculum. Al termine dell’apprendimento, gli apprendisti devono passare a un livello superiore.
La Terra come Scuola ha offerto un livello di coscienza limitato, e le lezioni si basavano sulla dualità di tutto ciò che si può creare qui. Vivere ora una polarità, o un’altra, in successive incarnazioni, ha generato una situazione che è stata classificata come Terra, un mondo di prove ed espiazioni.
All’inizio dell’Era dell’Acquario in questo inizio del XXI secolo, tutte le anime che sono arrivate in questa scuola terrestre hanno già imparato tutte le lezioni qui presentate. Questo giustifica lo stato di coscienza di ogni essere umano. Ognuno possiede già dentro il proprio inconscio, la conoscenza di ogni azione e delle sue conseguenze. Pertanto nessuno può affermare di non conoscere il risultato di ogni azione praticata.
Kintsukuroi
L’arte giapponese di curare le ferite dell’anima

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 20

Anche se buona parte dell’umanità difende sempre i propri interessi personali a danno della collettività, non c’è anima nemmeno che non abbia il discernimento di ciò che è lecito e ciò che non lo è. Insistere, pur sapendo di non dover continuare in tali atteggiamenti, porterà a una conseguenza che richiede riparazione e armonizzazione futura.
Visto che il tempo sta per scadere, i debiti per gli aggiustamenti futuri non potranno più essere fatti qui sulla Terra. Questa è infatti la cura più importante che dobbiamo avere in questa fase conclusiva dell’apprendimento. Abbiamo vissuto fino a qui l’esperienza all’interno di ciò che si intende come separazione. Come se fossimo davvero separati dalla Sorgente e da tutto quello che c’è. Ma quella era solo un’illusione. Siamo sempre stati un’estensione del nostro Sé Superiore; della nostra Monade.
Infine, è giunto il momento dell’unificazione, cioè della nostra integrazione di questo Frattale dell’anima, con le sue versioni più alte. Ricordando che l’anima è semplicemente una coscienza. Quindi siamo un frattale di questa consapevolezza più grande. E lì alla Fonte, dove siamo stati creati, il nostro IO SUPERIORE, è anche UNO CON TUTTO, cioè con le altre Monadi, e con tutto quello che c’è nel Cosmo.
E se è così, tutto ciò che c’è qui sulla Terra, è anche UN TUTTO ciò che c’è. Questo spiega il caos che stiamo vivendo attualmente sul Pianeta. È arrivato il momento di integrare tutto nell’UNITÀ. Tuttavia, c’è la questione della frequenza. Poiché ogni coscienza ha una frequenza individuale, due situazioni determineranno il destino degli studenti di questa scuola. Le coscienze che hanno già imparato e mettono in pratica ogni azione nella vita di tutti i giorni, sempre basate sulla cooperazione e sull’unità, seguiranno con la frequenza elevata, fino al Portale dell’Ascensione, lasciando alle spalle il Mondo di Espiazioni e Prove.
Già le coscienze che ancora si compiacciono nella divisione e nelle azioni negative, appartengono al gruppo che preferisce la competizione, e questo contraddistingue l’unità. Questo gruppo di coscienze, formerà il collettivo che non ha una frequenza sufficiente per attraversare il Portale dell’Ascensione. Questi non sono pronti per la Nuova Terra, che è già plasmata e presto sostituirà questa che abbiamo conosciuto finora.
Il gruppo delle coscienze che possiedono la frequenza dell’ascensione sta attraversando grandi cambiamenti interni. Sentono che sta arrivando qualcosa di grande Ma provano anche molto disagio. Come è un cambiamento di coscienza, infatti quello che provano è una sensazione di morte. E in un certo senso lo è. La vecchia comprensione delle cose sta morendo, per dare la possibilità di nascere al nuovo destino. Bisogna capirlo per non soffrire inutilmente.
Questo è anche il momento chiamato SOLITUDINE. Non ti sei mai sentito così solo, anche se sei tra tante persone e tante cose. C’è un senso di perdita. Una sensazione di abbandono. E anche una certa insicurezza. E direi di più: paura e insicurezza anche, perché ci stiamo lasciando alle spalle un mondo già conosciuto, per entrare in un mondo nuovo, sconosciuto. E anche se so che sarà un mondo migliore, la paura dell’ignoto è sempre una minaccia alla nostra stabilità emotiva.
Le situazioni che accadono la’ fuori non fanno altro che potenziare quello che c’e’ dentro  ognuno di noi . Non preoccupatevi di questo, perché serve solo come riferimento, affinché possiamo comprendere meglio ciò che c’è nella coscienza e che non è materiale, quindi è invisibile. Nessuno passerà ciò che non deve passare. Nessuno sfuggirà al suo processo individuale di adattamento della sua coscienza. E’ come gli studenti di una scuola di laurea. Ognuno farà i compiti e gli esami mancanti, perché bisogna prendere il voto che ti dà l’approvazione del corso.
La solitudine non è solitudine. La solitudine è introspezione necessaria affinché ognuno possa autovalutare se stesso. È entrare dentro te stesso e sentire tutto ciò che devi ancora capire. È anche un’opportunità per prepararsi a fare il salto quantico della tua coscienza. Saltare il ponte che separa un mondo di prove ed espiazioni da un mondo di rigenerazione. Possiamo dire che è un salto Dimensionale, perché ci porterà sicuramente alla Quinta Dimensione.
Con questo, spero che tu possa provare un po’ di conforto in questi giorni incredibili che tutta l’umanità sulla Terra sta attraversando. Ricorda: non stai morendo! Il mondo non sta peggiorando Quello che sta accadendo è un cambiamento meraviglioso di tutto ciò che c’è su questo Pianeta. Un’esperienza di morte e rinascita, ma che rappresenta di fatto, un aggiornamento della consapevolezza di ognuno. Il momento dell’unificazione corpo, mente e spirito in ognuno. Unificazione con le altre anime della Terra. Unificazione con gli altri regni della natura. Infine, l’unificazione con le nostre versioni di coscienza più alta. Questo ci porterà anche all’integrazione di questo Frattale dell’anima, con le sue versioni più alte. Questa è ASCENSIONE
Sono Vital Frosi e la mia missione è l’illuminazione.
Namaste!

Lascia un commento